Il miracolo della fioritura della Mandorla di Puglia

C’è una zona d’Italia che nei primi giorni di marzo si veste di un bianco candido. È il bianco dei fiori della mandorla di Puglia, un bianco che riempie il cuore e gli occhi.

 

I fiori della mandorla di Puglia sono molto delicati e ricercati, eleganti e nello stesso tempo fragili.

 

In questo articolo scopriremo tutti i segreti della fioritura della mandorla di Puglia, un miracolo di bellezza e unicità.

 

La fioritura della mandorla di Puglia: un fiore ermafrodita

 

Il fiore della mandorla di Puglia generalmente è di un colore bianco candido.

A volte il bianco si unisce a delicate sfumature di rosa, sempre molto delicate e chiare.

 

Il fiore della mandorla di Puglia è un fiore ermafrodita: il bocciolo presenta sia gli stami maschili che i pistilli femminili; è un fiore che non ha sesso quindi la pianta che lo produce non presenta esemplari maschi e femmina.

 

Il diametro di questo fiore non supera mai i 4-5 cm, i petali sono 5 e poi ci sono gli stami che possono anche essere 40 o 50.

 

Quando fiorisce il fiore di mandorla di Puglia?

 

Il periodo in cui spuntano i fiori di mandorla di Puglia varia di anno in anno e risente molto del clima.

 

Generalmente la loro spettacolare fioritura annuncia la primavera in arrivo.

 

Nelle regioni più assolate, dove le temperature diventano subito miti, i primi fiori della mandorla di Pugliasbocciano già da fine febbraio.

 

Spesso i fiori sbocciano prima dello spuntare delle foglie, altre volte spuntano insieme.

 

La meravigliosa opera delle api e di altri insetti dà vita a quel fenomeno che permette ogni anno di continuare ad assaporare i frutti di quest’albero: l’impollinazione.

 

Per questo molto spesso nei mandorleti è consigliabile posizionare tante arnie nel periodo della fioritura.

 

La fioritura della mandorla di Puglia: la coltivazione

 

Da quanto tempo si coltivano mandorli sul territorio pugliese?

 

L’origine del mandorlo ci fa pensare all’Asia centro-occidentale e alla Cina, dove si menzionano coltivazioni di questo albero prezioso fin dall’antichità.

 

Sono stati i Fenici a introdurre questa pianta e i fiori di mandorlo in Sicilia e in Puglia come in altre zone del Mediterraneo.

Ad Agrigento in febbraio ogni anno si celebra la festa del mandorlo.

 

Anche in Puglia sono stati i Fenici a farci il dono immenso della coltivazione del mandorlo, diventato ormai uno dei fiori all’occhiello tra le produzioni tipiche pugliesi.

 

Una cosa è certa, da quando il fiore della mandorla di Puglia ha iniziato a fare capolino sulla nostra terra, non ne faremmo più a meno.

 

Ogni anno li aspettiamo come più grande simbolo della primavera in arrivo, portatori di speranza e gioia, custodi di bellezza senza fine.